BLUGIRL E LE CITTÀ DEL CUORE DI ANNA MOLINARI

BLUGIRL E LE CITTÀ DEL CUORE DI ANNA MOLINARI

«Nella mia vita ho lavorato molto e viaggiato molto. Ogni volta ho voluto qualcuno accanto che guidasse il viaggio per essere libera di contaminarmi con la bellezza del luogo e raccoglierne gli impulsi.»

Per l’Autunno-Inverno 2017/18 di Blugirl, Anna Molinari richiama memorie di luoghi amati, costruendo la collezione come diverse esperienze di un’unica storia.

Il racconto parte da Londra, dove gli accenni vittoriani trovano una interpretazione scattante.

Il bianco e nero di abitini arricchiti da gorgiere si muove tra lunghezze mini o appena sopra al ginocchio e introduce uno dei dettagli chiave della collezione, la cintura definita da una fibbia di perle.

Seconda tappa, San Pietroburgo con le pellicce, tutte ecologiche, che portano l’animalier dai richiami africani a virare su tonalità più invernali, per poi contrastarle con colpi di colore deciso. Anche il velluto liscio crea un ponte tra l’eleganza da zarina e le nuances sgargianti, da fiore esotico, senza rinunciare al tocco romantico dei colletti realizzati all’uncinetto nel distretto di Carpi.

Infine il ritorno in Italia, con un nero milanese, solido di facciata e sensuale nelle trasparenze del pizzo, pronto per una serata alla Scala.

Completano il look stivali oltre il ginocchio, anfibi e stivaletti con stringhe che abbracciano la caviglia, tutti punteggiati da perle. Colbacchi e maxi sciarpe riscaldano il volto.

Un drappello di ragazze in shorts e maglioncini a girocollo, ingentiliti da pompon, regalano un tocco irriverente allo show.

«Le ho volute per sprigionare il mio spirito allegro, la voglia di divertirsi che da sempre mi appartiene», ha commentato la “signora delle rose”, Anna Molinari.

Lorenza Dalai
Meet the author / Lorenza Dalai

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>