,

GUERCINO, PIACENZA RENDE OMAGGIO ALL’ARTISTA DI CENTO

GUERCINO, PIACENZA RENDE OMAGGIO ALL’ARTISTA DI CENTO

Un’intensa serie di convegni, mostre ed iniziative per un ritratto a tutto tondo del Guercino

Dal 4 marzo al 4 giugno, l’artista emiliano Giovanni Francesco Barbieri, detto Il Guercino – tra i più rappresentativi testimoni del barocco emiliano – sarà celebrato con una serie d’iniziative di grande suggestione e di notevole rilevanza storico-artistica, che uniranno in un unico percorso, tra sacro e profano, il Duomo e Palazzo Farnese di Piacenza.

Guercino a Piacenza è promosso dalla Fondazione Piacenza e Vigevano, dalla Diocesi di Piacenza-Bobbio e dal Comune di Piacenza, con il patrocinio della Regione Emilia Romagna, del MiBACT e col contributo della Camera di Commercio di Piacenza, di APT Servizi Regione Emilia Romagna, di Iren; main sponsor Crédit Agricole Cariparma.

Fulcro di tutta la manifestazione sarà la Cattedrale, la cui cupola ospita lo straordinario ciclo di affreschi realizzato da Guercino tra il 1626 e il 1627 e che si presenterà in tutta la sua forza con una nuova illuminazione realizzata da Davide Groppi.

Eccezionalmente, per tutta la durata dell’evento, i visitatori avranno la possibilità, quasi unica e irripetibile, di ascendere all’interno della cupola del Duomo di Piacenza, per ammirare da vicino i sei scomparti affrescati con le immagini dei profeti Aggeo, Osea, Zaccaria, Ezechiele, Michea, Geremia, le lunette in cui si alternano episodi dell’infanzia di Gesù – Annuncio ai Pastori, Adorazione dei pastori, Presentazione al Tempio e Fuga in Egitto – alle otto  Sibille e il fregio del tamburo.

La visita sarà introdotta da una sala multimediale che permetterà al pubblico di leggere in modo innovativo il capolavoro del Guercino e di provare un’inedita esperienza immersiva attraverso particolari visori 3D.

Contemporaneamente, la Cappella ducale di Palazzo Farnese accoglierà una mostra, curata da Daniele Benati e Antonella Gigli, insieme con un comitato scientifico composto da Antonio Paolucci, Fausto Gozzi e David Stone, che presenterà una selezione di 20 capolavori del Guercino, in grado di restituire la lunga parabola che lo ha portato a essere uno degli artisti del Seicento italiano più amati a livello internazionale.

A corollario dell’intera manifestazione, nel marzo del prossimo anno, nei Musei civici di Palazzo Farnese, si terrà un convegno con i maggiori esperti di Guercino che comunicheranno i più recenti studi sull’opera del maestro di Cento.

Mercoledì 22 e giovedì 23 marzo, i Musei Civici di Palazzo Farnese a Piacenza ospitano un convegno internazionale di studi, curato da Daniele Benati, professore all’Università di Bologna e da David Stone, professore alla University of Delaware, volto a indagare l’attività del Guercino in tutti i suoi aspetti, ma con particolare attenzione al periodo piacentino, e alla figura di Sir Denis Mahon quale massimo studioso e collezionista delle opere del pittore centese.

Le giornate di studi saranno suddivise in tre tematiche: l’attività del Guercino e il rapporto con gli artisti contemporanei; il Guercino a Piacenza; Denis Mahon e il Guercino.

Al convegno, che si avvale di un comitato scientifico composto da Daniele Benati, David Stone, Andrea Emiliani, già direttore della Pinacoteca Nazionale di BolognaAntonella Gigli, direttore Musei Civici di Palazzo Farnese, interverranno i maggiori studiosi del Guercino, tra i quali Keith Christiansen, curatore d’arte europea del Metropolitan Museum of Art di New York.

Ecco in sintesi date e orari

GUERCINO A PIACENZA

4 marzo – 4 giugno 2017

Cattedrale di Piacenza (piazza Duomo)

Musei di Palazzo Farnese (piazza Cittadella 29)

Orari:
martedì, mercoledì, giovedì, domenica, dalle 10.00 alle 19.00
venerdì e sabato, dalle 10.00 alle 23.00
lunedì chiuso

Biglietti:
Intero:
Cattedrale: 10 €; Palazzo Farnese: 7 €; Cattedrale + Palazzo Farnese, 12 €

 

 

Valerio Passera
Meet the author / Valerio Passera

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>