LE SETTE FRAGRANZE DI LOUIS VUITTON

LE SETTE FRAGRANZE DI LOUIS VUITTON

Un racconto poetico e unico quello del Maître parfumeur della Maison parigina.

Louis Vuitton per San Valentino propone sette fragranze di cui il Maître Parfumeur della Maison parigina, Jacques Cavallier-Belletrud, ripercorre, in un viaggio poetico, la creazione. Raccontando le proprie emozioni in questa intima, personale, fantastica avventura: in un viaggio poetico.

Rose des vents

La rosa, il mio fiore preferito. Il primo fiore di cui abbia sentito il profumo e che accompagna sempre in un viaggio unico. La rosa ha tutto: la forza, la passione, la fragilità, la dolcezza, la tentazione…la rosa di Maggio nasce a Grasse. Il muschio dona uno straordinario carattere alle note di cuore della fragranza. Esistono dei sentori di miele, di cera d’api, una dolcezza speziata. In questa ode, in cui 7 tipi di rose sono unite, esiste anche un fiore nascosto: la peonia. La peonia è una rosa con una nota animalesca, deliziosa, quasi quanto il mughetto. La peonia ha bisogno delle rose, per esprimere la propria freschezza. La fragranza inizia in un ambiente legnoso, di cedro della Virginia e iris fiorentino, che strutturano la melodia della rosa e permettono alla peonia di farsi sentire sulla pelle.”

Turbulences

“Un sentiero, una notte d’estate, in agosto, nel mio piccolo villaggio di Cabris, non lontano da Grasse. All’improvviso mi sono fermato, catturato da un profumo straordinario. C’era un campo di tuberose davanti a me ed un campo di gelsomini affianco. Un tumulto di sensualità nella calma della notte. Sono stato catturato da questa conversazione tra tuberosa e gelsomino. Il gelsomino esprime un’apparente fragilità: la sua delicatezza è la sua forza. Io ho voluto il gelsomino più delicato, il sambac, che è utilizzato in Cina per i tè. In un profumo si rivela un potere felino. La tuberosa è un fiore ipnotico, quasi violento, una tigre profumata, che non può essere domata senza sforzi. È meglio non provarci neanche, ma imparare ad esserle amici e lei si aprirà. Ho desiderato illuminare questa notte perché il momento è stato pieno di luce. La magnolia porta alla tuberosa la luce e la trasparenza di cui ha bisogno, supportando il suo bisogno di dolcezza.”

Dans la peau

“Un’infusione di pelle, un estratto mai creato prima, che parla a tutti i sensi. Questa è una nobile, distintiva, composizione che fiorisce con muschio e fiori. Il gelsomino di Grasse, è molto raro e unico e non ha paragoni: non c’è niente di più delizioso. È una fragranza carismatica, che piace ad una donna forte ma che nasconde grande delicatezza. C’è bisogno di sentire la carezza di questa fragranza per capire la sua natura fantastica”.

Apogée

“Il mughetto è il fiore dell’amore incondizionato, un eterno viaggio di innocenza. Fragile ed effimero, riappare sempre, fedelmente a Maggio. Capisco perchè i Giapponesi amano tanto il mughetto: è delicato, discreto, fugace. È immediatamente intimo, raffinato ed incredibilmente luminoso. Il suo profumo è una meraviglia, un equilibrio in bilico tra note animali e freschezza vibrante. È come una storia d’amore tra rosa e gelsomino. Il profumo del mughetto, confortante come delle lenzuola pulite, entra in un duello con il muschio che lo eleva a nuove note di sensualità”.

Contre moi

“Tutte queste vaniglie in un profumo! Un grande accordo di vaniglia che risveglia i sensi ed eleva le emozioni! Questa è una vaniglia gioiosa che delizia mentre rivela la propria personalità. La vaniglia di Tahiti porta una riminescenza di dolci, sottolineata dalla vaniglia del Madagascar. Ma quando la vaniglia è data alla nobiltà del profumo, prende accenti di pelle e diventa più animale. È una composizione languida, accentuata da note di pelle. L’apparenza dolce e delicata nasconde tentazioni. Non si sarebbe mai pensato che la vaniglia e il fiore d’arancio potessero essere così affascinanti a prima vista.”

Matière noire

“L’agarwood è un legno estremamente prezioso, che arriva dal Laos. Simboleggia i profumi d’Oriente, un potere raro ed ancestrale, polvere che profuma di viaggio. Quando è unito al narciso, un fiore sublime amato dalle eleganti donne del passato, crea una fragranza di lusso straordinario. La forte nota verde e quasi amara del narciso dona energia al languido agarwood. Il narciso, il cui estratto è estremamentre raro, ha una personalità distintiva.”

Mille feux

“Un giorno ero in visita nell’atelier di Asnières e ho visto un artigiano all’opera su un pellame di un colore incredibile, un rosso luminosissimo. Sono stato conquistato dal contrasto tra la malleabilità della pelle e l’intensità del rosso lampone, e ho desiderato trasformarlo in una fragranza. La pelle sensuale incontra il rosso vibrante conferendo divertimento, gioia, diversità. C’è qualcosa di stravagante in questa fragranza. Ho aggiunto l’osmanthus della Cina.  uno dei primi nomi che ho conosciuto quando ero apprendista profumiere…solo il suo suono ed ero già lì con lo spirito, nonostante non avessi mai viaggiato lontano dalla mia piccola città di Grasse. Ho sempre avuto una relazione particolare con questo fiore. È coltivato a Grasse da tre secoli, i suoi fiori sono usati per profumare il tè con un aroma affumicato. E quando il fiore si raccoglie ha un profumo di albicocca. Profuma di frutta e gioia di vivere.”

 

Lorenza Dalai
Meet the author / Lorenza Dalai

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>