,

LES 7 DOIGTS: IN ARRIVO AL ROMAEUROPA FESTIVAL I VERI FENOMENI DA CIRCO

LES 7 DOIGTS: IN ARRIVO AL ROMAEUROPA FESTIVAL I VERI FENOMENI DA CIRCO

In arrivo a Roma, dal 27 al 30 ottobre, il collettivo ‘Les 7 Doigts’: il circo come non si era mai visto prima

Arrivano da Montreal, patria degli spettacoli circensi, per entusiasmare nuovamente il pubblico italiano: i Les 7 Doigts approdano al Romaeuropa Festival un anno dopo aver conquistato il pubblico romano con la performance artistica Cuisine & Confessions, una delle ultimi creazioni pirotecniche della loro carriera. Quest’anno il gruppo canadese, fondato nel 2002 grazie all’unione di sette artisti già inseriti nel progetto Cirque du Soleil e Cirque Eloize, ha deciso di riproporre al pubblico italiano uno dei loro primi spettacoli: ‘Traces’, show composito che fonde gli elementi della danza, del teatro e della poesia per un’esplosione di vitalità e contorsionismi in contrasto con lo sfondo da scenario apocalittico e desolato presente sul palco, composto da drappi cadenti e funebri, catapecchie fatiscenti e ricostruzioni di scarti industriali atti a rappresentare “l’età dell’ansia” che stiamo vivendo.

Lo spettacolo, presentato più di 1700 volte in 25 paesi e premiato con numerosi riconoscimenti internazionali a partire dalla sua ideazione, dieci anni fa, è stato pensato come un atto di rivolta alla passività della vita quotidiana, alla sensazione di rassegnazione provata di fronte alle spie sinistre che prefigurano un avvenire disumanizzante. Questo il ‘manifesto’ della compagnia:Nei nostri spettacoli, abbiamo deciso di mettere sempre in risalto l’essere umano. Vogliamo che gli spettatori s’identifichino in noi e che ci riconoscano come simili: uomini con un nome e un cognome, un particolare timbro della voce, delle particolari forze e altrettante debolezze. Vogliamo che gli spettatori si sentano vicini a chi è in scena, che si preoccupino per i rischi che ognuno di noi corre, che si emozionino con noi. Traces è l’apice di questo tentativo di umanizzazione. Durante tutto il corso dello spettacolo, infatti, gli artisti condividono con il pubblico dettagli intimi delle proprie vite: la loro provenienza, il loro carattere, alcuni aneddoti che caratterizzano il loro percorso“. Per creare, o ricreare una tale amalgama di sentimenti di identificazione non si può pensare di creare un’opera uniforme e autonoma come ‘Traces’ da soli. E’ infatti questo il senso del nome del collettivo ‘Les 7 Doigts’ e di tutto il suo progetto: sette creativi uniti in un ideale artistico, così come come sette dita potrebbero (eccezionalmente) formare una mano.

Lo spettacolo della compagnia canadese sarà in scena all’Auditorium Conciliazione dal 27 al 30 ottobre, da giovedì a sabato a partire dalle 21,00, mentre domenica 30, per l’ultimo appuntamento, alle 17,00. Per altri dettagli si rimanda al sito ufficiale del Romaeuropa Festival.

Boris Stoinich
Meet the author / Boris Stoinich

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>